1

proloco arona

ARONA 8-9-2016- La giunta comunale non ha atteso la fine dell’anno per stabilire il contributo ed ha giocato d’anticipo

 aggiungendo 80.000 euro ai già 274.000 euro erogati dal 2011 al 2015, che porterà nelle casse della Pro loco oltre 350.000 euro a fine 2016: tutto senza convenzioni, ma solo con determine ad hoc. Con direttiva di giunta ha assegnato all’Associazione Turistica Pro Loco di Arona un contributo annuo di 80.000 euro a sostegno delle spese per “le attività già svolte o da svolgersi nell’ambito del calendario manifestazioni 2016 presentato dalla stessa associazione, prevedendo l’erogazione di un acconto pari a 26.667 euro. Il dirigente comunale Giovanni Vesco ha pertanto predisposto una determina sottolineando “che l’attività svolta dalla suddetta associazione può ben essere considerata di interesse generale e che l’erogazione proposta ha natura di donazione modale, senza fini pubblicitari per l’ente locale, ma anzi rientrante nella sfera delle funzioni generali di sostegno (anche economico) al territorio, riconosciute peraltro ai Comuni dalla Costituzione e dal D.Lgs. 267/2000.” Un sistema che non piace al Pd come sottolinea Alessandro Travaini, consigliere comunale:” In consiglio comunale ci è stato assicurato che ad esempio per l’accordo per la ristrutturazione del Cinema S. Carlo con contributo alla Parrocchia di 15.000 euro ci sarà una convenzione per non incorrere nelle ire della Corte dei Conti sempre più attenta con controlli ad hoc. La Corte dei Conti del Piemonte si sta adeguando alle direttive più rigide di quelle della Lombardia. Riteniamo che per impegni reiterati nel tempo di simile entità una convenzione bilaterale sarebbe più opportuna ed esporrebbe meno il dirigente e coinvolgerebbe giustamente il Consiglio comunale, quindi anche la minoranza nelle valutazioni e nelle decisioni prese con fondi pubblici.” L’ex assessore al bilancio Agostino Di Natale: “ Assurdo dare tutti questi soldi senza convenzioni, ma le mie proteste rimasero inascoltate dal sindaco Gusmeroli” Sindaco che replica:”Convenzione inutile, troppa burocrazia” E Camilla Botteselle presidente Pro Loco:”Siamo per un matrimonio aperto, senza vincoli, il bilancio è in Comune.” (Ma Ro)  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.