1

LagoMaggiore panorama

ARONA – 13-07-2017- Lago Maggiore meno azzurro. Lo dicono i dati della rilevazione della Goletta Verde che hanno riscontrato solo due punti di prelievo entro i limiti di legge su nove campionature. Se a Dormelletto le acque presso la foce del Rio Arlasca e della stazione di collegamento del depuratore in via Oberdan sono risultate inquinati (prima erano fortemente inquinate), Arona, che lo scorso anno sembrava avere trovato la giusta via dopo una serie di interventi sulla rete fognaria,  si ritrova con tutti i punti monitorati di nuovo inquinati: acque fuori dei limiti  presso il Marconi Beach, vicino allo scarico fognario del rio San Luigi (zona lungolago Caduti di Nassiriya) e presso il lido sud alla foce del Vevera. Marca male anche per Stresa dove le acque di fronte a Piazza Marconi risultano fortemente inquinate ed anche quelle al lido di Carciano sono anche qui fuori dai limiti di legge, dopo i recenti prelievi Arpa. Verbania ha un doppio volto: entro i limiti i prelievi alla foce del torrente San Bernardino e fortemente inquinate le acque prelevate alla foce del fiume Toce. Balneabili invece le acque a Lesa presso il lungolago. Simone Nuglio responsabile della Goletta dei Laghi di Legambiente spiega: “Bisogna migliorare in particolare le situazioni a Stresa e Verbania, ma anche alla foce del Vevera ad Arona dove, nonostante i divieti, sono in tanti i bagnanti ogni anno . Le condizioni meteo hanno poi influito sui risultati”. Il sindaco Alberto Gusmeroli rilancia : “Nautica e Rocchette , per cui abbiamo chiesto il riconoscimento di bandiera blù per il 2018, sono pulitissime ed anche il lido è nei limiti. Dobbiamo ancora lavorare molto per questa battaglia di civiltà. Sul lungolago abbiamo ordinato 80 nuovi allacciamenti alle fogne perché le tubazioni non separano le acque bianche da quelle nere, sul Rio San Luigi abbiamo scoperto altri mancati allacciamenti di condomini alle fogne. Però sul Vevera la situazione è in via di miglioramento. Alla foce, in un anno, siamo passati da 9900 coliformi in 100ml a 500 . Altri dati davano risultati disastrosi nel 2016: 66.000 coliformi fecali sul ponte di via Mottarone, 89.000 al Sacro Cuore, 21.000 al sottopasso Vevera. Ora i coliformi sono scesi a 600 verso la foce e al massimo a 5000 dove prima erano 66.000. Abbiamo già chiesto all’Arpa di monitorare la spiaggia in corso Europa per vedere se nel 2018 sarà possibile fare il bagno.” Angelo Robotto, direttore Generale dell’Arpa Piemonte, dice: “I dati ufficiali ci dicono che i laghi del Piemonte stanno bene. Sul lago Maggiore su 50 punti di balneazione, 42 sono di livello di eccellenza, sul lago d’Orta su 17 ben 14 sono ottimi.” (M.R.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.