1

eccidio meina

MEINA - 26-09-2018– E' stato commemorato sabato il 75° anniversario dell’eccidio di Meina. i fatti risalgono al 22 e 23 settembre del 1943: le SS prelevarono dall’Hotel Meina 16 ebrei, tra cui tre bambini e li trucidarono alle porte di Arona, gettando poi i corpi nel lago. Fu la prima strage di Ebrei in Italia. Alla commemorazione hanno partecipato, fra gli altri, il sindaco di Meina, Fabrizio Barbieri, l'on Alberto Gusmeroli, sindaco di Arona e l’assessore provinciale Milù Allegra. Presente anche Rosanna Ottolenghi (figlia di Becky Behar, deceduta nel 2009, che fu la testimone oculare di quanto avvvenne): “Mio nonno e tutta la mia famiglia erano Ebrei, ma si salvarono grazie al console turco Nabil Erzog che intervenne direttamente sul comando tedesco in quanto la mia famiglia aveva il doppio passaporto italo-turco". Sabato, per la prima volta, alla cerimonia, ha presenziato anche il console generale turco di Milano Aylin Sekizkek. (M.R)

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.