1

borgo ticino galleria

BORGO TICINO - 26-09-2018 - Si è svolto lunedì a Borgo Ticino un incontro con i cittadini per fare il punto sulla situazione di via Lazzaretto, chiusa nei giorni scorsi dopo che Anas aveva inviato al Comune una nota in cui si parlava di "vizi costruttivi" in una galleria della variante, da poco realizzata.  “Le gallerie realizzate nella variante della SS 32 non sono sicure, ci sono delle fessurazioni che si sono estese in questi mesi. I tunnel probabilmente sono da abbattere e ricostruire": così ’ingegnere Gian Carlo Luongo, rappresentante di Anas per il Nord Ovest. “Abbiamo chiesto alla ditta Lauro - ha aggiunto Luongo - che aveva realizzato i lavori, di puntellare la galleria, ma non l’ha fatto. Lo faremo noi, faremo delle verifiche e vedremo se si potrà riaprire la strada di via Lazzaretto almeno alle auto, vietandola ai camion". In sala era presente un dirigente della ditta Lauro Spa, che ha sottolineato come non vi siano crepe e, quindi, pericoli: "La galleria è sicura, potremmo fare questa assemblea in quella galleria o sulla strada, non esistono crepe o cedimenti. E’ una perizia che abbiamo contestato e che impugneremo nelle sedi legali". Tra gli interventi dei presenti anche quelli del’ ex sindaco di Borgo Ticino Giovanni Orlando: "I tempi di Anas, tra contenziosi e ritardi, li conosciamo, rischiamo la paralisi".  Alberto Pilone sindaco di Varallo Pombia: "Se la strada verrà limitata ai mezzi leggeri, come è avvenuto a Pombia alcuni anni fa, la soluzione provvisoria diventerà definitiva".  Intanto, in attesa di conoscere gli esiti della vicenda, la via Lazzaretto resta chiusa. (M.R)

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.