1

borgo ticino residenza rendering

BORGO TICINO -15-07-2019 - Si svolgerà oggi,

lunedì 15 luglio, alle 18, in municipio a Borgo Ticino, un incontro pubblico nel corso del quale saranno presentate le caratteristiche della nuova RSA di “Sereni Orizzonti. Durante la serata interverranno il sindaco Alessandro Marchese e - per conto dell’azienda - il legale rappresentate Valentino Bortolussi, il project manager Andrea Marcato e il capoarea per il Piemonte Claudio Salvai. I lavori nel cantiere di via Brunelleschi termineranno come previsto a fine mese e a partire da settembre, una volta completata la fase di allestimento interno, la nuova struttura sanitario assistenziale potrà ospitare 80 anziani non autosufficienti. "Questo progetto è il risultato dell’ottima collaborazione che da subito si è instaurata tra la nostra amministrazione e il gruppo “Sereni Orizzonti”. Siamo davvero soddisfatti per il rispetto dei tempi di costruzione e non vediamo l’ora che la RSA venga inaugurata", ha dichiarato il sindaco Marchese.

Si sta completando un edificio di tre piani sopra terra e a forma di “H”, distribuito in quattro nuclei distinti dotati di controllo accessi per monitorare i movimenti degli ospiti affetti da demenza. Al piano terra sono previsti reception, uffici amministrativi, una palestra per la riabilitazione, la lavanderia e gli spogliatoi per il personale, un ambulatorio, una sala per servizi alla persona (podologo e parrucchiere), una cucina per la realizzazione dei pasti, un salone polifunzionale per attività ricreative e la sala per il culto. Tanto al primo quanto al secondo piano si troveranno invece una sala da pranzo e un soggiorno, servizi igienici per gli ospiti e due nuclei abitativi da 20 posti letto, suddivisi ciascuno in 2 camere singole e 9 camere doppie. Tutte le stanze saranno ampie e luminose, dotate del proprio bagno per disabili, arredate in modo confortevole e fornite di letti motorizzati, serramenti con tapparelle domotiche, sistema di chiamata e sensori antincendio.


Realizzato in classe energetica A3, produrrà autonomamente circa 165.000 kWh di energia (pari al 60% del suo intero fabbisogno), con una riduzione complessiva dell’emissione in atmosfera di oltre 67.000 Kg all’anno di anidride carbonica. Un risultato notevole ottenuto grazie all’isolamento termico dell’edificio, all’impianto fotovoltaico sul tetto, all’impianto solare termico per uso sanitario e riscaldamento, al recuperatore termodinamico del calore contenuto nell’aria espulsa e alla pompa di calore ad alta efficienza che in gran parte utilizza energia rinnovabile.

 

Nella foto il rendering della struttura

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.