1

vitello

AGRATE CONTURBIA- 06-01-2017- Giorni di festa, ma animali da salvare giunti al rifugio “Miletta” di Agrate Contubia. In questi giorni sono giunti al rifugio anche tre cani, di cui uno soggetto a maltrattamenti, ma da libro “cuore” due storie di Natale. “Una è quella di Attila, un vitello destinato alla macellazione a Suno ed acquistato da una donna che l’ha consegnato al Rifugio Miletta la vigilia di Natale l’altra è quella di una gattina di due mesi, in fin di vita, raccolta sulla Statale vicino a Varallo Pombia nei primi giorni di dicembre. Dopo essere stata curata e salvata alla morte, ha trovato anche qualcuno che si è preso cura di lei e l’ha adottata. Sono oltre 100 gli animali che sono ospiti del nostro rifugio . Tanti gatti e cani, ma anche pecore, cani, cinghiali, mucche e dei pony, in molti salvati da morte certa. Ognuno ha un proprio nome ed una propria identità.” E ad Arona avevano abbandonato un gatto in una gabbia davanti all’uscio di un appartamento sfitto. E’ successo nel condominio di via Roma 32 in questi giorni di festa. “I residenti – racconta Alessandra Motta del Rifugio Miletta – dopo aver sentito il micio miagolare per molte ore hanno avvisato i vigili urbani. La polizia municipale ci ha contattato per la consegna dell’animale, un piccolo di due mesi che è ora ospite del Rifugio Amici dei Gatti di Galliate. Invece un altro gatto è stato investito ad Arona in questi giorni. E’ stato soccorso da alcuni passanti ed è stato sottoposto alle cure dei nostri veterinari. Luna, è il nome che le abbiamo dato, si salverà. Pochi giorni prima di Natale un altro gatto ci è stato consegnato. Era in fin di vita dopo essere caduto da una pianta a Castelletto Ticino. Splash ora sta meglio dopo essere stato operato dai nostri bravissimi veterinari”.

Maurizio Robberto

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.